IL MARRUCCHINO

Strage di Solofra: la bambina sopravvissuta “avete visto cosa ha fatto mio padre?”

Continuano le ricerche per capire il movente che ha mosso ieri mattina l’ira di un indiano a Solofra, nella provincia di Avellino.

      Gli inquirenti sono sempre più propensi a considerare un movente di tipo passionale; l’uomo infatti, viveva con la famiglia e un suo connazionale. Probabilmente un gesto interpretato male lo ha portato a compiere un atto così estremo, punendo se stesso e chi lo circondava. Secondo i vicini inoltre, la donna non era libera nemmeno di aprire le finestre di casa.

La figlia più grande, sopravvissuta alla strage riporta delle lesioni marginali: una sul volto che va dallo zigomo all’ obo dell’orecchio e un’altra sul braccio; dopo essere stata sedata tutta la giornata di ieri nell’ospedale civile del medesimo paese, oggi ha ricevuto la visita della sua maestra con la quale la ragazzina ha avuto modo di sfogarsi. 

Le sue prime parole sono state: ” maestra ha visto cosa ha fatto mio padre? Ha ucciso mia madre e la mia sorellina” , evidentemente la ragazza è ancora ignara del suicidio del padre. Per il momento continua a stare in ospedale, non si sa ancora a chi sarà affidata.
L’uomo che viveva con loro adesso è sotto inchiesta.

 

Luna Taurone 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata il 20/06/2012 alle 1:38 PM. È archiviata in cronaca con tag , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: