IL MARRUCCHINO

La Vita in Diretta e il business della morte: la fine di Yara fa godere il “talk-show”

Solo due parole per ribadire ancora una volta la nostra indignazione per la speculazione spietata dei media nei confronti di questa triste vicenda.

Utile, anzi doveroso, informare la gente sugli aggiornamenti delle indagini; macabro è invece continuare a parlare di quanto gli amici siano sconvolti e ripercorrere ogni giorno, ogni ora, ogni minuta la solita solfa: la giovane atleta, il misterioso uomo, il probabile gruppo carnefice, il centro sportivo, le lacrime, lo sgomento e le varie opinioni pubbliche.

L’ultima “porcata” viene (ancora una volta) da “La Vita in Diretta” :

l’ inviata di oggi (02/03/2011) a Brembate ha sottolineato con fierezza di essere in una posizione privilegiata rispetto a tutti gli altri “giornalisti” dato che si trovava all’inizio della stradina dove c’è la casa della povera Yara Gambirasio e della sua famiglia.

Una gara a chi si avvicina di più e poter dimostrare che loro c’erano.

Nemmeno Kent Brockman perseguitò tanto Homer Simpson (nell’episodio di Homer molestatore), eppure restò piantato 1 settimana sopra la sua casa con un fantastico elicottero rosa!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata il 02/03/2011 alle 6:36 PM. È archiviata in cronaca, voci con tag , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: