IL MARRUCCHINO

Proiettile al Giornale: nel plico anche un documento firmato Brigate Rosse

Sono tornate le Brigate Rosse. O almeno questo è quanto vuol far credere chi ha spedito un proiettile da revolver calibro 40 Smith & Wesson assieme ad un documento (un semplice volantino con disegnato sopra la stella a cinque punte) sul quale era stampato un testo al computer.

“Nell’attesa… dato che si parla per slogan… Berlusconi è un perdente” – si legge nel testo, che così continua – “Il più grande Bunga Bunga era stato quello di Dalema a classe operaia e proletariato!”. Il cognome dell’esponente Pd è scritto senza apostrofo.

Ovviamente adesso si faranno tanti discorsi riguardanti le Brigate Rosse, magari Vespa dedicherà una puntata al pericolo del ritorno degli anni di piombo con tanto di plastico della redazione e pupazzetto di Sallusti. La verità è che, senza voler sminuire affatto il pericolo che si possa nascondere dietro un simile gesto intimidatorio, le Brigate Rosse o quel che ne resta dei loro gruppi “discendenti” non hanno più il coraggio di simili azioni se non per soldi.

Strana ipotesi vero? Eppure le azioni dei nuovi gruppi brigatisti (le nuove colonne) sono diventati sempre più rari ma soprattutto sempre più mirati a distruggere personaggi che c’entrano poco con il mondo lavorativo vero ma piuttosto con il mondo amministrativo e dirigente del lavoro. In poche parole i Brigatisti sono diventati solo dei mercenari al soldo di qualcuno di cui non si può conoscere il nome proprio perchè non identificabile in una sola persona.

Le basi di questa deduzione sono la loro mancata partecipazioni a manifestazioni (violente) in cui avrebbero avuto l’appoggio di “militanti” estremisti che vorrebbero il loro ritorno.

Non mi si venga a dire che il loro modo di fare è cambiato, che sono nascosti perchè deboli. In realtà sono diventati mercenari e la gente che credeva in loro ha smesso di aver fiducia nel pensiero brigatista sin dagli anni 80.

Tornando ai fatti del Giornale di Sallusti, il documento sottoscritto dalle Brigate Rosse concludeva così “Rinnovando tutti i nostri obiettivi e le nostre operatività viva la lotta armata per la libertà!”. Alla fine si inneggia a Mario Galesi, ai compagni combattenti di tutto il mondo. La firma: “Br-Nucleo Galesi per la costruzione del fronte antimperialista combattente”.

La procura sta indagando, ma fatto sta che certe minacce cadono a fagiolo, visto che la vittima perseguitata è sempre di forte impatto emotivo sui media. Questo vale anche per i vari politici che di tanto in tanto si ritrovano proiettili in buste da decenni senza mai aver subito nessun attacco reale. Se qualcuno sentendo di “proiettili in busta” recapitati all’ On. Tizio o al Sen. Caio si sentisse in dovere di intristirsi o impietosirsi sperando in una redenzione del malcapitato così da salvarsi la vita, è meglio che si renda conto che nulla è mai cambiato negli atteggiamenti di questi “poveretti”.

Se ad esempio le Brigate Rosse avessero voluto un cambiamento radicale, avrebbero dovuto “convincere” qualche deputato a non votare a favore dell’ aumento dello “stipendio parlamentare” visto che sono tutti soldi nostri. Avrebbero dovuto gambizzare Borghezio per certe affermazioni in pubblico o minacciare la Santanchè….e invece nulla. Strano vero?

Quindi per favore Direttore Sallusti, se vuole davvero rendere credibile una minaccia (lei come tanti altri) provi a spararsi nella gamba e le assicurò che l’ Italia tutta sarà dalla sua parte.

N.B.

Il consiglio vale anche per i direttori di sinistra

Annunci
Questa voce è stata pubblicata il 16/02/2011 alle 7:33 PM. È archiviata in cronaca, voci con tag , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

Un pensiero su “Proiettile al Giornale: nel plico anche un documento firmato Brigate Rosse

  1. Giuseppe in ha detto:

    Non ho parole, sempre e solo attacchi, e ricordo anche altro, come perquisizioni ad personam, continuate “giovani ragazzi” non fermatevi a questi vili attacchi, “Inutili” saranno gli attacchi. “UTILE” SARA’ la vostra informazione Grazie Laino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: